//Glicemia: vediamo come controllarla.

Glicemia: vediamo come controllarla.

Glicemia, conoscerla per controllarla.

La glicemia cioè la concentrazione di glucosio nel sangue, dovrebbe sempre mantenersi nei giusti valori durante la giornata ed il nostro corpo è programmato per questo, purtroppo però può capitare che ciò non avvenga manifestandosi fenomeni di bassa o alta concentrazione di glucosio.

A tale scopo rivestono un ruolo importante degli ormoni, iperglicemizzanti e ipoglicemizzanti tra cui il più importante è l’insulina, secreta da alcune cellule del pancreas, che abbassa la glicemia, indispensabile per il metabolismo degli zuccheri.

La glicemia alta è uno dei maggiori fattori di rischio per la nostra salute in quanto ci espone al rischio dell’ insorgenza di molte malattie prima fra tutte il diabete , con conseguente possibile danneggiamento di parti del nostro corpo come ad esempio i reni, le arterie di cuore , cervello e gambe.

berberina e salute

Se il nostro peso è eccessivo, se siamo in un’età compresa tra i 35 e i 45 anni, se la nostra alimentazione non è corretta e conduciamo uno stile di vita sedentario, se nella nostra famiglia vi sono persone affette da diabete è opportuno effettuare dei controlli per la glicemia.

In ogni caso a scopo preventivo è curativo è bene attuare delle strategie, come idratarsi sufficientemente, cercare di evitare fonti di stress, avere cura di fare giornalmente attività fisica, ridurre nella nostra dieta i carboidrati, i grassi, bevande zuccherate e gassate, fare attenzione che i nostri pasti non siano troppo abbondanti, importante è idratarsi sufficientemente, variare la dieta con attenzione alla stagionalità, insomma piccoli accorgimenti a cui possiamo facilmente attenerci per ottenere un benessere fisico e mentale.

La principale fonte di glucosio sono gli alimenti, una corretta alimentazione è quindi alla base per la prevenzione e la cura di alterazioni della glicemia, poiché valori non nella media danno origine a patologie come il diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e renali, obesità, hanno anche effetti negativi sulle capacità cognitive con possibilità di sviluppo del morbo di Alzheimer.

La nostra dieta dovrebbe comprendere il consumo di verdure rispettando la stagionalità, dato il loro basso indice glicemico, il cetriolo, ad esempio, contiene un ormone di cui le cellule beta del pancreas hanno bisogno per produrre insulina.

La frutta invece può essere consumata ma, in quanto zuccherina, è bene non eccedere con alcune varietà come ad esempio i fichi e le banane, l’uva e i cachi , preferendo il consumo ad esempio di pere, mele e arance , la fibra bianca di quest’ultimi ha il potere di regolare l’assorbimento di zuccheri, grassi e proteine.

La frutta secca, un tempo ritenuta dannosa, da recenti studi sembra avere effetti benefici sulla glicemia.

Ricca di fibre dà un profondo senso di sazietà e di gratificazione del palato, chiaramente però è bene mangiarla nelle giuste quantità e in sostituzione piuttosto che in aggiunta ad altri alimenti. Le carni bianche sono preferibili a quelle rosse ma in ogni caso è consigliato la riduzione del consumo di prodotti di origine animale. Buona abitudine è l’uso di olio di extravergine di oliva o altri oli come quello di noci o di sesamo ricco di antiossidanti, evitando burro e margarina.

L’uso di alcune spezie è molto utile come la curcuma e la cannella, nonché quello di integratori naturali che consentono di tenere nella norma i valori glicemici.

Tra i cereali e legumi sono consigliati ad esempio l’avena, il riso integrale, il miglio e i ceci. Evitare cibi spazzatura e bevande zuccherate, attenzione alla farina di tipo 0 e 00.

Un valido aiuto per tenere sotto controllo i livelli di glicemia ci è fornito dagli integratori, tra i più indicati quelli a base di mirto che rallentano l’assorbimento degli zuccheri ,di eucalipto che aiutano a ridurre la produzione del glucosio, di cannella una spezia che aiuta a contrastare diabete, ipertensione e obesità, di ginseng americano utilizzati con soddisfacenti benefici per contrastare colesterolo e glicemia alta.

Ma gli integratori che si sono rivelati più efficaci sono quelli a base di berberina .

Si tratta di un alcaloide estratto da varie piante, tra cui il biancospino, e da una ricerca posta in essere da alcuni scienziati sembra possa diventare una vera e propria cura per il diabete di tipo 2 oltre ad essere essere un potentissimo alleato completamente naturale per combattere il colesterolo . Non meno importante è la sua efficacia sul dimagrimento.

Degni di nota sono anche:

  • L’acido lipoico che lavora espressamente sulla sensibilità insulinica e utilizzato in Germania come terapia per il diabete, potente antiossidante è fonte di energia per le cellule del nostro corpo; utile anche per dimagrire.
  • L’acetil- carnitina impiegata con ottimi risulti come complemento nella terapia di cura del diabete in quanto migliora la sensibilità all’insulina, neutralizza inoltre radicali liberi, proteggendo così cuore, reni e occhi.
  • Il cromo picolinato Il cromo è un micronutriente presente in piccole quantità nell’organismo e contribuisce al mantenimento di livelli normali di glucosio nel sangue ha anche una provata capacità dimagrante , in quanto diminuisce svolge una importante funzione brucia calorie ,aiuta a tonificare il corpo , aumenta la resistenza a stress e fatica e ha degli effetti benefici sul colesterolo.
  • Gli omega 3 che tra i loro benefici hanno anche loro effetti molto interessanti nella regolarizzazione della glicemia, in quanti per il diabete di tipo 2 sembra esserci una stretta correlazione tra livelli di Omega-3 ed una riduzione del rischio di malattia, proteggono anche la funzione renale in presenza di diabete di tipo 1, e hanno molti benefici sul sistema cardiovascolare

L’utilizzo degli integratori come prevenzione e cura di glicemia alta è una risorsa alla quale è bene affidarsi scegliendo quelli i cui effetti sono stati ampiamente dimostrati.

Assumerli giornalmente con le modalità e le dosi consigliate non farà altro che contribuire al nostro benessere.

Leggi le proprietà del nostro NaturaLoad

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
2018-06-24T18:12:36+00:00